Liquori

Amarene sciroppate con Porto e cannella

amarene sciroppate

Ebbene si,il tempo delle amarene continua…
Sulle piante questi splendidi frutti non accennano a diminuire ed io sto sperimentando ogni giorno nuovi metodi per conservarli al meglio.
Mi dispiace sempre lasciare la frutta attaccata agli alberi,quando c’è,anche se come in questo caso c’è in abbondanza,è un piacere poterla condividere con parenti ed amici.
Oggi quindi dopo confettura e torte,ecco che arriva la ricetta delle amarene sciroppate…una vera scoperta,sono di una bontà infinita e anche conservate così una tira l’altra.
Immagino già le mie serate d’inverno davanti alla tv,temo che un vasetto a sera sparirà,quindi se avete ancora questi frutti buonissimi non esitate a prepararli,ne rimarrete stupiti anche voi.

 

 

5 da 1 voto
Amarene sciroppate con Porto e cannella
Piatto: Sottovuoti
Chef: Barbara
Ingredienti
  • 1 kg di amarene con il picciolo ed il nocciolo
  • 180 gr di zucchero
  • 600 ml di acqua
  • 350 ml di Porto
  • stecche di cannella
Istruzioni
  1. Iniziamo lavando con cura le amarene e scegliendo quelle più sode e belle,non dovranno avere ammaccature o segni vari.
  2. Stendiamo le amarene su dei canovacci a facciamo asciugare bene.
  3. Nel frattempo prepariamo lo sciroppo unendo n una casseruola l'acqua,lo zucchero ed il Porto.
  4. Su fuoco medio alto portiamo ad ebollizione e lasciamo bollire per 10 minuti.
  5. Prendiamo ora i vasetti precedentemente sterilizzati e li riempiamo con le amarene,avendo cura di tagliare il pezzo superiore del picciolo,quello più brutto praticamente
  6. Facciamo una leggera pressione nei vasetti in modo che tra un'amarena e l'altra ci siano pochissimo spazio ed aria.
  7. A metà barattolo inseriamo una stecca di cannella a proseguiamo a riempire tutti i barattoli,all'incirca tre con queste dosi.
  8. Quando i vasi saranno pieni,iniziamo a riempirli con lo sciroppo ormai freddo poi li chiudiamo.
  9. Mettiamo quindi a sterilizzare,inserendo i vasetti in una grande pentola e avvolgendoli in un canovaccio e ricoprendo con acqua.
  10. Mettiamo su fuoco medio e dal momento in cui iniziano a bollire,lasciamo andare per 5 minuti.
  11. Trascorso il tempo spegniamo e lasciamo raffreddare all'interno dell'acqua.
  12. Conservare in dispensa,al buio e attendere almeno 2 mesi prima di consumare.

 

 

 

 

“Vorrei solo essere il pensiero più stravolgente delle tue girnate,il brivido più eccitante che scorre nella tua schiena,il caldo più piccante che ti brucia in bocca…un desiderio che non sentirai mai il bisogno di esprimere”

 

A tutti voi l’augurio di un felice e sereno week-end,che possa essere ricco di momenti che scaldano il cuore.

 

 

You Might Also Like

9 Comments

  • Reply
    Luna
    26 Giugno 2015 at 13:09

    5 stars
    Bellissime a vedersi e deliziose al palato ne sono sicura seppur non potendole assaggiare! Buon weekend cara!

    • Reply
      Barbara Baccarini
      26 Giugno 2015 at 23:19

      sono buonissime!!se hai modo prova a farne anche solo un vasetto,non te ne pentirai!!

  • Reply
    Andreea
    26 Giugno 2015 at 14:40

    Non so dove si trovano, ma io non li ho mai trovati da comprare e pure sono cresciuta a casa dei miei con questi frutti deliziosi. Averli per fare sciroppate non è una cosa da poco, ma mi ricorda tempi passati, da quando ero bambina ! Invitatissimi i tuoi baratoli !

  • Reply
    zia Consu
    26 Giugno 2015 at 22:54

    Sto letteralmente sbavando..

    • Reply
      Barbara Baccarini
      27 Giugno 2015 at 12:57

      e io ti credo!!sono divinamente buone,io non riesco a smettere di mangiarle!!

  • Reply
    2 Amiche in Cucina
    27 Giugno 2015 at 19:52

    Ciao, le adoro e poi così aromatizzate devono essere divine, un bacione

    • Reply
      Barbara Baccarini
      27 Giugno 2015 at 22:25

      Lo sono per davvero!!!se ti capita provale..non ne resterai delusa!!
      un abbraccio e grazie della visita!

  • Reply
    valentina
    29 Giugno 2015 at 19:35

    Li ho sempre mangiati centellinate le amarene o ciliegie fatte così, perché mia zia che le faceva , ne era gelosa….penso che quest’anno ne farò fine mie, magari con l’aiuto della tua ricetta.

    • Reply
      Barbara Baccarini
      29 Giugno 2015 at 21:56

      ti credo che tua zia ne era gelosa,sono buonissime e se solo ti fai prendere un pò la mano finisci il vasetto in un secondo!!
      se le fai,voglio sapere che ne pensi eh!
      ti abbraccio

    Leave a Reply