other

Un viaggio tra storia,gusto e sostenibilità

Lunedì mattina sveglia di buon ora,alle 7,30 ero già in macchina con destinazione Rivarolo Mantovano,un paesino nella bassa mantovana.
Non sapevo cosa sarebbe accaduto in questa giornata perchè non avevo mai partecipato ad un evento di questo genere ma già alla partenza ho capito che sarebbe stata una giornata indimenticabile.
La campagna mantovana,con i suoi paesaggi da fotografia in una splendida giornata di sole,mi ha accompagnato fino a destinazione.
Io che nella “bassa” ci vivo,sono arrivata con già negli occhi la felicità del viaggio fatto.
Quando poi ho visto arrivare gli altri visitatori ed ho anche potuto abbracciare alcune amiche, ecco che tutto ha iniziato a diventare vera magia.
La bellezza di ritrovarmi all’interno di un’azienda solida,che dal 1889 vende i suoi prodotti e si impegna a mantenere vivi i valori in cui da sempre crede,è stato davvero speciale.
La loro storia,la loro tradizione e le sfide che hanno saputo vincere in passato sono i valori in cui a casa Ballarini credono ma soprattutto sono convinti che la capacità d’innovare,di vedere oltre e di andare oltre gli schemi sia il frutto di un percorso lungo anni,che è stato da sempre improntato sull’evoluzione.
In Ballarini hanno sempre voluto valorizzare il made in Italy e le tradizioni perchè il futuro che immaginano è il futuro della tradizione.
Mi sono ritrovata moltissimo nel pensiero di questa grande azienda ed è stato davvero molto bello vedere che insieme a noi blogger e consumatori,hanno partecipato a questo evento anche genitori di dipendenti e dipendenti stessi dell’azienda,entusiasmante la mamma che porta il figlio a far il giro dell’azienda nella quale sia lei che il marito lavorano,ma ancora più bello è stato vedere la luce negli occhi del bambino quando ha capito cosa creano ogni giorno i suoi genitori mentre sono al lavoro.

 

 

 Dopo la visita all’azienda ecco che ci siamo diretti verso Martignana di Po,dove presso l’Associazione culturale DondolandoArte è allestita la mostra “Una tavola lunga un secolo” voluta da Ballarini per festeggiare i 120 anni dell’azienda.

Questa mostra itinerante racconta l’evolversi del made in Italy dal punto di vista della cultura gastronomica.

La mostra ripercorre quindi tutte le tappe delle trasformazioni e dei mutamenti che ha avuto la cucina italiana nel secolo scorso.
Tra recuperi di vecchi utensili di rame e porcellana,ecco che il viaggio nel tempo tra i sapori e i saperi della tradizione ha reso questa giornata ancora più speciale.
Potrete visitare questa mostra nei bellissimi locali dell’associazione fino al 7 giugno…io vi consiglio di non perderla.

 

 

 

Nell’associazione abbiamo inoltre potuto vedere i bellissimi scatti realizzati da Antonella Pizzamiglio appositamente per Ballarini,scatti che rappresentano la sua totale e personale interpretazione della mostra e del viaggio attraverso la storia.
Antonella è una fotografa professionista molto apprezzata dal cinema,dal teatro e dalla moda,di lei possiamo inoltre ricordare il reportage denuncia realizzato nel 1989 a Leros in Grecia,in quello che è stato definito come il peggior manicomio mai visto al mondo.

 

 Bellissima giornata,ricca di emozioni e di nuove scoperte…è bello scoprire che dietro ad una grande azienda,ci sono persone che vengono valorizzate ed apprezzate per ciò che ogni giorno fanno.

Ringrazio infine Tiziana, Elisa e Marianna per aver condiviso con me una così splendida esperienza…è stato davvero bello conoscervi!!

 

“Attraverso il gesto gentile di servire il cibo,si vuole ricordare che dietro l’eccellenza del risultato c’è sempre il saper fare delle persone.”

 

 

You Might Also Like

2 Comments

  • Reply
    elisa
    27 Maggio 2015 at 21:39

    Ciao Barbara,
    sempre bello rileggere quanto vissuto insieme ma attraverso gli occhi degli altri!
    felice di averti conosciuta anch’io!
    ciao
    elisa

    • Reply
      ungiornosenzafretta
      28 Maggio 2015 at 21:36

      Elisa grazie infinite a te…è stato stupendo conoscerti!!

Leave a Reply