Travel

Parco giardino Sigurtà

parco Sigurtà

Giugno 2015
Complice una bella giornata non ancora troppo calda e afosa,qualche settimana fa sono andata con un’amica a visitare il Parco Giardino Sigurtà.
Questo parco si trova a Valeggio sul Mincio appena fuori dal centro della città e non appena si varca il suo ingresso ci si dimentica di tutto perchè si resta completamente ammaliati dalla sua grandezza e dalla sua bellezza.
Non è stata la prima volta che sono andata a visitarlo,ero già stata in passato con un gruppo di amici ma ancora non avevo l’occhio scrutatore e fotografico di oggi,così ricordo si un bel pomeriggio ma non ricordavo tanti particolari che invece stavolta ho colto.
Ecco qui un pò di mie foto del parco mentre ve ne parlo.

 

 

Il Parco Giardino Sigurtà ha una superficie di 600.000 metri quadrati e si estende ai margini delle colline moreniche,nelle vicinanze del Lago di Garda,a soli otto chilometri da Peschiera.
Data la sua grandezza oltre che a piedi è possibile visitare il parco con biciclette e golf cart noleggiati sul posto oppure approfittare del giro panoramico con il trenino o lo shuffle.
In quarant’anni di amorose cure, Carlo Sigurtà,avvalendosi di un secolare diritto di attingere acqua dal Mincio,ha ottenuto il “prodigio” di rendere lussureggiante l’arida vegetazione collinare.
Successivamente,il nipote Enzo ha realizzato un prototipo di Parco-Giardino ma l’apertura del parco risale solo al 1978.
Ad oggi il Parco-Giardino è considerato fra i più straordinari al mondo.

 

 

Il Viale delle Rose è sicuramente l’immagine con cui il Parco Giardino Sigurtà si è fatto conoscere nel mondo.Lungo il suo chilometro di lunghezza,sbocciano ogni primavera più di 30.000 selezionatissime rose Queen Elizabeth e Hybrid Polyantha & Floribunda.
Sullo sfondo del Viale si erge maestoso il Castello Scaligero (secoli X-XIV) che,pur essendo esterno alle mura del Parco,grazie ad un sapiente gioco di prospettive si trasforma in elemento integrante nell’architettura complessiva del giardino.

 

 

 

Il Grande Tappeto Erboso è la distesa più vasta di tutto il Parco.
Nel mezzo di questo soffice manto verde si trovano i Laghetti Fioriti,circondati da un romantico Salice Piangente e da piante annuali che vengono messe a dimora a seconda delle stagioni:nel periodo estivo si possono ammirare Begonie, Tagete, Salvia e Colues; nel periodo autunnale invece fanno da cornice agli specchi d’acqua le Viole del Pensiero, i Nontiscordardimè e le Margherite.

 

 

Tra le acque invece affiorano placide le Ninfee e gli Ibischi acquatici, tra cui guizzano vivaci le carpe giapponesi Koi,i cui colori sono “abbinati” a quelli delle ninfee.I Giardini Acquatici ricordano per colori e suggestioni i paesaggi ritratti nelle tele dei maestri impressionisti. 

 

 

 

 

Di particolare suggestione è l’effetto del riflesso del torrione del Castello Scaligero negli specchi d’acqua, dove galleggiano delicatamente Ninfee rustiche e tropicali di sofisticata bellezza.

 

Proseguendo nel giro incontriamo poi l’Eremo di Laura,questo è il nome originario che fu fatto costruire nel 1792 dal Marchese Antonio Maffei (1759-1836).
Attraverso la facciata,ornata da una bifora, si può accedere alla contemplazione della statua raffigurante la Madonna.
Di fronte all’entrata del tempietto discende una gradinata a viale che conduce ai cosiddetti Quattro Laghetti dell’Eremo,uno dei tanti punti panoramici dai quali godere di una vista privilegiata sul Parco.
Il Castelletto invece è un edificio merlato con finestre neogotiche,costruito dal Marchese Antonio Maffei e che fu inizialmente adibito a “Sala d’Armi”.
La costruzione,visibile solo dall’esterno,è da sempre considerato dalla famiglia Sigurtà non solo una romantica attrazione ma un luogo dove accogliere gli amici più cari,tanto da essere divenuto negli anni un vero e proprio scrigno dove sono riuniti i ricordi della storia dell’intero giardino.
Nel secolo scorso il Castelletto è stato luogo di tavole rotonde e di incontri scientifici e letterari; sulla facciata,infatti,è affissa una lapide che ricorda la presenza di alcuni scienziati e Premi Nobel che furono ospiti della famiglia Sigurtà.

 

 

 

 

 

Asini,pecore,caprette,galline padovane,tacchini,daini e anatre vi aspettano nell’antica fattoria del Parco,un’area ludico-didattica destinata ai bambini e alle famiglie,dove è possibile incontrare tanti simpatici animali e partecipare a laboratori creativi e attività didattiche.
La Fattoria di Tà del Parco aderisce al progetto per la Conservazione e la Valorizzazione di razze avicole locali Venete,in collaborazione con Veneto Agricoltura.
Nella visita al parco inoltre è possibile incontrare piccoli scoiattoli che girano liberi tra gli alberi,c’è la vasca per la tartarughe e la bellissime vasche con i fiori di loto.

 

 

 

Impossibile non restare affascinati da tanta bellezza.
Il nostro giro fotografico termina qui,spero di avervi fatto venire voglia di andare a visitare questo luogo incantato,io sicuramente ci tornerò presto.

 

 

 

 

 

 

You Might Also Like

7 Comments

  • Reply
    Laura
    13 Aprile 2016 at 22:24

    Posto davvero magnifico! Non lo conoscevo ma è splendido… Grazie Barbara, lo terrò presente x una gita coi bimbi.
    Le foto delle ninfee sembrano un quadro?

  • Reply
    Vitto
    14 Aprile 2016 at 8:30

    Pensa io sono vicina al parco e non l’ho mai visitato!!!!
    ora le tue splendide foto mi hanno fatto venire voglia di vederlo al più presto 😉
    grazie e un abbraccio ^__^

  • Reply
    Andreea
    14 Aprile 2016 at 9:13

    Bellissime foto e un bel giardino ! Complimenti per le foto, rendono molto !

  • Reply
    lisa fregosi
    14 Aprile 2016 at 9:53

    Adoro parco sigurtà, ci sono stata diverse volte, le tue foto ne dimostrano tutta la sua bellezza!

  • Reply
    Luna
    14 Aprile 2016 at 11:36

    Mamma mia che meraviglia! E’ un vero incanto questo Parco. Adoro i posti così e lo scorso anno siamo stati in Val Gardena a contatto con animali, fiori e piante, la mia gioia! Queste fotografie mi hanno fatto venire in mente quei bellissimi giorni 🙂

  • Reply
    Roberta
    14 Aprile 2016 at 18:11

    Barbara quanti ricordi mi hai tirato fuori…io abitavo molto vicino a quel parco e ci sono andata decine di volte.
    Bellissime anche le foto. Grazie un bacio

  • Reply
    Roberta
    31 Ottobre 2016 at 17:09

    Ciao Barbara,
    grazie per questo bellissimo post.
    Roberta,
    Press Office
    Parco Giardino Sigurtà

Leave a Reply